Mi piace

Uno degli esercizi che propongo nel libro è quello di scrivere ciò che piace. Il processo di identificazione dell’io, di ri-scoperta di sé, passa attraverso la presa ci consapevolezza di ciò che ci piace, di cosa ci attira, cosa ci appassiona. Si può dire che siamo ciò che ci piace, siamo ciò che amiamo. E fare la lista ci aiuta a riscoprirci nei nostri gusti, nelle nostre preferenze, nelle nostre passioni, che devono essere veramente i nostri, non quelli acquisiti nella famiglia d’origine, nel gruppo di amici o nella relazione di coppia.

A me cosa piace?

Le coccole sul lettone con mia figlia.
Le risate dei bambini al parco-giochi.
Il profumo dei pomodori ramati.
Le albicocche appena raccolte dall’albero.
Ballare.
Il canto delle cicale nei pomeriggi d’estate.
Il mio tiramisù.
Lo strudel che fa il mio amico Luigi.
La pioggia che batte sui vetri.
I film rosa anni 50.
I racconti della luna.
I progetti strampalati che facciamo io e la mia amica Arianna.
Sultans of Swing dei Dire Straits.
Hotel California degli Eagles.
I tagliolini al tartufo di un ristorante in Franciacorta.

Questo è solo l’inizio della mia lista. E a voi cosa piace?

 

(Photo by Ryan Mcguire – Gratisography)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *